Livello olio motore: come e quando controllarlo.

Livello olio motore: piccoli controlli per grandi benefici

Mi capita spesso di avere a che fare o leggere di persone che trascurano i controlli, come il livello olio motore. Fanno il tagliando e poi via fino al prossimo check up. Niente di più sbagliato.

I problemi che possono saltar fuori possono rivelarsi molto gravi (soprattutto per il tuo portafoglio!).

Ti ho già accennato alcune noie che puoi incontrare nell’ebook gratuito che hai scaricato

Livello olio motore

Partiamo dalla base. Puoi controllare il livello olio motore in due modi:

  1. Estrai l’astina di livello (Solitamente la “presina” ha un colore nero, giallo o rosso).
  2. Non hai l’astina e quindi lo controlli, col computer di bordo, nel menu “veicolo” (Lo puoi trovare su Audi e Mercedes).

Ricordati che per un corretto controllo del livello olio motore è meglio che l’auto sia rimasta ferma per almeno 15/20 minuti. In questo modo il lubrificante ha la possibilità di depositarsi e quindi dare una misura più precisa.

corsotagliandofaidate

Una volta che hai fatto la verifica ti si possono presentare 3 scenari:

  • Il livello olio motore supera il max. Quando la misura è superiore le cause possono dividersi in due: è stato inserito troppo olio oppure nel circuito di lubrificazione c’è presenza di liquidi estranei (che può essere liquido raffreddamento o, nel caso di alcune auto con filtro antiparticolato, gasolio). In ogni caso questo problema va risolto il prima possibile.
  • Il livello olio motore è compreso tra min e max. In questo caso è perfetto. Ovvio che se l’astina viene bagnata nella parte inferiore (Il bicchiere mezzo vuoto per capirci) un piccolo rabbocco non gli farà male e ti darà maggior tranquillità.
  • Il livello olio motore è inferiore al min. Anche qui allarme! Sei in presenza di una perdita di olio o un consumo anomalo. Ripristina il livello corretto e tienilo sotto controllo.

In condizioni ottimali ti consiglio di tenere sotto controllo il livello olio almeno una volta ogni due mesi, poi come ogni cosa serve il buonsenso. Se hai perdite di olio o mi percorri 10.000 km al mese forse è il caso di verificarlo anche una volta in più!

Ultima cosa alla quale devi prestare attenzione è il tipo di olio che ci metti.

Su altri siti e forum si legge di guardare su targhette, libretto di manutenzione… io lì non li ho mai trovati! Quindi se non ti ricordi il tipo clicca qui, scegli il tuo modello e trovi tutto quello che ti occorre.

Ora tocca a te! Al lavoro!

scarica corso

2 commenti su “Livello olio motore: come e quando controllarlo.”

  1. Salve,
    complimenti per gli articoli del sito web, davvero ottimi.
    Avrei una domanda. Ho acquistato da poco una Peugeot 3008 1.6 hdi e gli ho fatto fare il tagliando. Qualche giorno dopo mi sono accorto che mi avevano messo più olio rispetto al massimo, e ho iniziato a trovare un pò di olio sulla paratia sotto il motore dal lato della distribuzione anche se non si riesce bene a capire da dove viene. Il meccanico dice probabilmente un paraolio. Dato che l’ ho acquistata veramente da poco non saprei dire se la perdita c’era anche prima di acquistarla. In ogni caso la mia domanda è questa: la perdita potrebbe essere causata dal troppo olio(circa mezzo litro in più)? Se tolgo l’olio in più potrebbe arrestarsi la perdita? E’ il caso di sostituire la distribuzione? cioè potrebbe finire dell’olio sulla distribuzione visto che è sul lato distribuzione? la macchina ha 80000 Km e 9 anni e so che a 10 anni andrebbe fatta, devo accelerare e farla fare subito?
    Grazie anticipatamente

    Rispondi
    • Ciao Raffaele,

      ti ringrazio per i complimenti.

      L’olio in eccesso può causare danni ma che non hanno nulla a che fare con la perdita da parte del paraolio.

      Sicuramente la prima cosa da fare è risolvere il problema “perdita olio”.

      Prima di tutto fai dare una bella pulita alla zona per capire se la perdita c’è effettivamente oppure se nel fare il lavoro ne è uscito un po e si è sparso.

      Se la perdita è effettivamente presente puoi valutare l’utilizzo di un additivo per ammorbidire le parti come guarnizioni e paraoli, e diminuire la perdita.
      Anche se ti dico che non sempre abbiamo avuto buoni risultati.
      Il meglio sarebbe sostituire il paraolio (se è quello) ed eliminare definitivamente la perdita.

      La settimana scorsa mi è capitata un’auto alla quale sono saltati i denti della cinghia per un problema proprio di presenza di olio sulla cinghia.. quindi prima risolvi e meglio è 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.