Cinghia di distribuzione: cosa devi sapere per non spaccare tutto.

di | 11/04/2015

Cinghia di distribuzionePer quale motivo è cosi importante la cinghia di distribuzione?

La cinghia di distribuzione, dopo gli organi di sicurezza, è la parte più importante della tua macchina.

Il motivo è semplice, se si spacca ciao ciao stipendio!

Il suo compito principale è quello di tramettere il moto dall’ albero motore (o albero a gomiti) all’albero a camme. Nel mezzo può comandare altri accessori come:

  • la pompa dell’acqua
  • pompa alta pressione carburante
  • pompa olio

La cinghia di distribuzione è tesa da uno o più cuscinetti fissi e un cuscinetto tenditore, che in alcuni casi è automatico.

 

L’albero motore e l’albero a camme al momento del montaggio della cinghia devono essere posizionati con la loro corretta fasatura; a volte è prevista la messa in fase anche per la pompa del carburante.

Il motivo per il quale spaventa cosi tanto rompere la cinghia di distribuzione è che nel caso ti succeda vuol dire creare danni a valvole, pistoni, bielle ecc.. Quindi nel caso più fortunato hai solo la testata motore da smontare per far sostituire le valvole rotte, nel caso peggiore il tuo motore è andato a farsi …..

Devo dire che ci sono anche auto che si sono salvate! In alcuni casi mi è bastato sostituire la cinghia di distribuzione per poter avere conferma che non si era piegato niente, per esempio sulle Fiat/Lancia con motore 1.2 benzina Fire mi è capitato più volte.

In altri casi non è detto che la cinghia si spacchi, ma ti si possono spaccare dei denti della cinghia. In questo caso l’auto va fuori fase e ti crea problemi di compressione e impossibilità di avviamento.

Quando cambiare la cinghia di distribuzione.

C’ è una gran confusione in merito al “quando cambiare la cinghia di distribuzione”.

Questo perché da una parte ti danno dei chilometraggi o periodi di sostituzione esagerati e dall’altra parte ti fanno (passami il termine) cacare sotto. Il vero problema è che:

  1. Ogni casa auto raccomanda un intervallo di sostituzione in base alla versione di auto o di motore che hai, e che pur di mettere chilometraggi stellari corri il rischio di spaccare prima.
  2. Se vai a ricercare nel web trovi di tutto. Certo non che quello che dico io sia legge (non ne ho l’autorità), ma nei forum sono per la maggior parte discorsi da bar dove si fa a gara a chi ce l’ha più lungo e negli articoli leggo castronerie che mi fan pensare a persone che hanno un rapporto solo teorico con la meccanica dell’auto.

Per quanto riguarda gli intervalli di sostituzione raccomandati dalla casa li puoi trovare segnati sul libretto di uso e manutenzione dell’auto. Normalmente vengono dati due parametri come intervallo di sostituzione:

  • Utilizzo in condizioni normali
  • Utilizzo in condizioni difficili

Dall’utilizzo normale all’ utilizzo in condizioni difficili ci può essere anche una differenza di 40000 km o 2 anni. Per esempio se in condizioni normali la sostituzione della cinghia è prevista a 120000 km e 10 anni, in condizioni difficili sarà ogni 80000 km o 8 anni.

In questo modo la casa madre non avrà colpa in caso di rottura.. hai utilizzato l’auto in condizioni “difficili” e la colpa è tua.

Caso reale:

“Peugeot 307 1.6 HDi. Prevista la sostituzione della cinghia di distribuzione in condizioni normali a 240000 km o 120 mesi, in condizioni difficili 180000 km o 120 mesi (ben 60000 km in meno). Il problema è un cigolio che proviene dalla cinghia di distribuzione. La macchina ha 75000 km. Accedo alla parte della distribuzione e trovo della polvere tipo ruggine. Sento la Peugeot per essere “rassicurato”. Verdetto? Eh si, è un difetto di questo tipo di motore! Pulisci, cambia cinghia di distribuzione, cuscinetti e pompa acqua e il problema è risolto.”

In questo caso cosa avresti fatto? Aspettare i 240000 km?

Per quel che riguarda la mia esperienza i casi di rottura fortunatamente non sono all’ordine del giorno.

Quindi cosa valuto quando devo cambiare una cinghia di distribuzione:

  • Prima di tutto controllo a quanti km o mesi è prevista la sostituzione dalla casa.
  • Valuto che tipo di strada percorre il cliente. (Autostrada, città, pensionato, lavoratore)
  • Controllo la rumorosità di eventuali cuscinetti.
  • Controllo se ci sono eventuali perdite di olio o liquido raffreddamento.
  • Controllo lo stato della cinghia (non è sempre facile valutare lo stato, ma puoi comunque capire se è “cotta” o se ha dei segni di usura)

Se tutti i controlli sono positivi rispetto i tempi della casa madre, in caso contrario si cambia.

Questo check up lo faccio ogni due tagliandi (ogni 30000 km circa).

 Consigli per il cambio della cinghia di distribuzione.

Qualche consiglio che ti può tornare utile al momento del cambio della cinghia di distribuzione:

  • Se comandata dalla cinghia di distribuzione, cambia sempre anche la pompa dell’acqua. Rifacendo la tensione con il nuovo kit sono numerosi i casi nei quali inizia a perdere. Questo significa rifare due volte il lavoro.
  • Controlla che non ci siano perdite di olio che possono nuocere ala cinghia. Possibilità di perdita di olio dal paraolio albero a camme o albero motore, guarnizione coperchio punterie o guarnizione testata motore.
  • Controlla che non rimanga della sporcizia che potrebbe andare sotto la cinghia di distribuzione e farla saltare.
  • La tensione dell cinghia deve essere corretta. Nel caso di tensione troppo elevata puoi avere problemi di rumorosità.

Per ora non mi viene in mente nient’altro.

Per non perdere i prossimi articoli seguimi anche sulla pagina OfficinaFaidate di Facebook!

Buon controllo

Kevin

8 pensieri su “Cinghia di distribuzione: cosa devi sapere per non spaccare tutto.

  1. Albert

    Ciao mi sai dire per il motore 1.7 del 2010 Opel ha 110.000 km aspetto ancora ho devo cambiare.

    1. Kevin Autore articolo

      Ciao per Astra 1.7 prevista a 120.000 km o 96 mesi

  2. Michele

    Ciao inazitutto concordo con l amico…complimenti x la.tua passione…io possiedo una lancia ypsilon 1’4 benzina ogni quanto va fatta la distribuzione? Grz!

    1. Kevin Autore articolo

      Ciao Michele, grazie per i complimenti!

      Per la cinghia di distribuzione se ti riferisci alla Ypsilon 1.4 che va dal 2003 al 2011 la sostituzione è prevista a 120.000 km o 60 mesi (in condizioni normali, se invece le condizioni sono “difficili” i km son sempre 120, ma si accorcia a 48 mesi).

      Ciao e buon lavoro!

  3. Nino

    Salve, Kevin. Innanzitutto, ti faccio i complimenti per la passione che ci metti; poi, vorrei farti un paio di domande a proposito della ‘distribuzione’.
    Sono possessore (molto felice, lo dico sinceramente) di una Corolla 1300 S.W. benzina del ’98. L’auto ha 270000 Km e va come un orologio. Ho avuto un solo guasto (al motorino di avviamento, a 170000 Km) e niente altro. Faccio una manutenzione regolare ma non da ‘fissato’; tipo cambio olio e filtri puntuale, pasticche, candele e tutta l’ordinaria amministrazione. Ma, ad esempio, pur sostituendo normalmente la cinghia di distribuzione, e quelle dal servosterzo e dell’alternatore/pompa acqua (ce ne stanno tre, di cinghie, sul mio motore), non ho mai messo mano a quest’ultima o a qualsivoglia rullo, tenditore e quant’altro partecipa al sistema. Mi accingo ad un altra sostituzione della cinghia suddetta: cosa dovrei fare secondo te? Lasciare tutto com’è e provvedere più avanti (ai 350000 visto che, a quanto mi dicono quest’auto farà molti Km ancora e, a quel che mi consta, non ho motivo di dubitarne), oppure cominciare a sostituire qualcosa preventivamente, nonostante non vi sia alcun segnale evidente di possibile avaria?

    1. Kevin Autore articolo

      Ciao Nino,

      grazie per i complimenti!

      In questo momento non ho sottocchio il programma per controllare, ma sei sicuro che sulla tua auto siano presenti dei cuscinetti per le cinghia dei servizi?

      Spesso la tensione delle cinghie ausiliarie è fatta solo dall’alternatore o dalla pompa del servosterzo, ma non sono utilizzati altri cuscinetti o tenditori.

      Eventualmente potrebbero iniziare a far rumore i cuscinetti interni dell’alternatore o della pompa idroguida, ma probabilmente te ne accorgeresti subito e non è una cosa molto frequente!

      Se invece sono presenti dei cuscinetti o dei tenditori smontali e provali “a mano”.
      Falli girare e se non sono più che silenziosi sostituiscili (Rifacendo la tensione delle cinghie è facile che inizino a far rumore una volta che hai rimontato tutto!).

      Altri controlli particolari, oltre all’avantreno o alla sostituzione dell’olio dei freni non ne hai..

      Le manutenzioni a scadenza fissa sono solo: Tagliando, cinghie, olio freni e liquido raffreddamento, il resto lo cambi solo se ti crea problemi!

      Comunque ti confermo anche io che le Toyota hanno veramente pochi problemi! (Purtroppo per chi le ripara 😉 )

      A presto,

      Kevin

    2. Graziano

      Ciao mi sai dire per un suzuki sx4 1.6hdi credo monti il motore del gruppo PSA tipo’ il tuo.a quanti km la distribuzione
      Grazie e complimenti per la professionalità

      1. Kevin Autore articolo

        Ciao Graziano, ti ringrazio per i complimenti.

        Allora per quel tipo di motore ci sono 2 scadenze.

        Se valutato in condizioni difficili è prevista la sostituzione a 120.000 km o 36 mesi, in condizioni normali è prevista a 240.000 km o 10 anni (Consiglio personale non aspettare i 240.000 km!).

I commenti sono chiusi.